NON C'E' FEDE SENZA LOTTA

NON C'E' FEDE SENZA LOTTA

FIRMA PETIZIONE

SPEZIALELIBERO

DAVIDE LIBERO

TERAMO SOLIDALE











Questione "vecchio" stadio: la voce dei tifosi

 

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Da cittadini Teramani ci sentiamo in dovere di comunicare a tutti la triste realtà politica della nostra città, in merito al dibattito sul vecchio stadio Comunale. Al consiglio comunale del 25/10 (fatto svolgere volutamente dai politici in un orario totalmente penalizzante per chi invece aveva il diritto di esserci, ma non poteva per motivi di lavoro, mancando così di rispetto alla collettività) abbiamo assistito ad una vera e propria presa in giro nei confronti della cittadinanza Teramana. Per ciò che riguarda la discussione è emersa la volontà di non accogliere proposte alternative (e ce ne sarebbero moltissime) e di non voler intavolare un sano e costruttivo dialogo, ma al contrario è venuta a galla l'intenzione di distruggere a tutti i costi il vecchio Comunale per attuare interessi e speculazioni studiate a tavolino già da parecchio tempo e tenute nascoste alla cittadinanza, dando ragione a chi già aveva intuito strane manovre dei politici per realizzare su quella stuzzicante area un qualcosa di conveniente (per loro...).
Personalmente non siamo contro la costruzione di un teatro nuovo, ma siamo favorevoli ad un dialogo costruttivo per la città affinché ci si possa sforzare di pensare ed agire per il bene della stessa e non per gli interessi di pochi. Tutto ciò è totalmente mancato nella seduta consiliare di mercoledì!! Non si può ragionare su temi così importanti in base a certi criteri, in base ai propri giochi politici, in base ai colori di partito, ed è per questo che TUTTI devono capire una volta per tutte con assoluta consapevolezza che gli interessi della collettività sono totalmente ignorati da chi ha il coraggio di spacciarsi come garante dei cittadini.
Da segnalare inoltre un'importante dimostrazione di come il nostro discorso non sia inventato: in una discussione privata tra due noti rappresentanti politici, in disparte nell'edificio comunale, si sentiva parlare di vasellina come per sostenere la tesi del raggiungimento dei loro obiettivi in modo autonomo e totalmente ingannevole nei confronti di una grossa fetta di cittadinanza.
Per concludere bisogna ribadire che i tifosi del Teramo nonché cittadini di Teramo non sono strumentalizzati da nessuno, ma sono solamente mossi dall'amore e dalla passione per la propria città, cosa che tanti politici oggi non hanno manifestato e probabilmente mai manifesteranno.

 

Un gruppo di cittadini Teramani, un gruppo di tifosi del diavolo.