NON C'E' FEDE SENZA LOTTA

NON C'E' FEDE SENZA LOTTA

FIRMA PETIZIONE

SPEZIALELIBERO

DAVIDE LIBERO

TERAMO SOLIDALE











Diminuiscono i reati ma aumentano i detenuti. Il rapporto di Antigone

 

FONTE:il dubbio

 

 

Continua la crescita dei detenuti ( il tasso di sovraffollamento è al 113,2%) e il fatto che in alcune carceri si torna a scendere sotto la soglia minima prevista di 3 mq per detenuto; troppi reati e troppa durata irragionevole dei processi; nel 68% degli istituti visitati ci sono celle senza doccia, e solo in uno, a Lecce, e solo in alcune sezioni, è assicurata la separazione dei giovani adulti dagli adulti, come richiesto dall’art. 14 dell’Ordinamento penitenziario; l’Italia risulta di essere uno dei paesi dell’Unione Europea con il più basso numero di detenuti per agente: vi è in media un agente per 1,7 detenuti, mentre ciò che manca sono gli educatori.
Sono questi i dati principali emersi dal pre – rapporto dell’associazione Antigone sulle condizioni delle carceri presentato ieri matti- na durante la conferenza stampa alla Camera dei deputati.
Già nell’ultimo rapporto, non a caso chiamato “Torna il Carcere”, si era posta l’attenzione sul ritorno del sovraffollamento con tassi di crescita che se continuassero all’attuale ritmo porterebbero in pochi anni l’Italia ai livelli che costarono la condanna da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Ma quali sono le ragioni della crescita del numero dei detenuti? «Da una parte – spiega Patrizio Gonnella, presidente di Antigone – il numero enorme di processi penali pendenti. Oltre 1,5 milioni di cui più di 300 mila dalla durata irragionevole e quindi prossimi alla violazione della legge Pinto. I tempi lunghi dei processi influiscono sull’eccessivo ricorso alla custodia cautelare che continua a crescere arrivando all’attuale 34,6%, quando solo due anni fa era al 33,8%. Dall’altra c’è il fatto che si registra un cambiamento anche nelle pratiche di Polizia e giurisdizionali, effetto questo della pressione dell’opinione pubblica a partire da casi eclatanti».
Altri dati riguardano il totale dei processi penali dalla durata irragionevole. Troppi processi, ma anche troppi reati e troppa custodia cautelare. Si legge nel pre- rapporto che al 31 marzo del 2017 i processi penali pendenti erano 1.547.630. Dieci anni prima erano 1.446.448. Secondo la legge Pinto che impone risarcimenti nel caso di procedimenti penali dalla durata irragionevole non deve essere superata la seguente durata: 3 anni in primo grado, 2 in appello, 1 in Cassazione. A fine 2016 a rischio di risarcimenti sono rispettivamente il 4,2% dei procedimenti pendenti in Cassazione, il 45,3% di quelli in appello, il 18,9% di quelli di primo grado, il 19% di quelli davanti al tribunale per i minorenni. Sempre Antigone spiega che la durata media di un processo in primo grado con rito collegiale è pari addirittura a 707 giorni, 534 nel rito monocratico, 901 in secondo grado. Temi che non diminuiscono negli ultimi anni. Dal 1992 a oggi 25 mila casi di ingiusta detenzione costati 630 milioni di euro. La custodia cautelare ingiusta costa troppo allo Stato. Antigone denuncia l’eccessivo ricorso alla custodia cautelare nonostante l’introduzione della legge che doveva limitarne l’uso. Nel pre- rapporto si legge che «nonostante i positivi cambiamenti legislativi è in aumento l’uso del carcere prima della condanna definitiva. Purtroppo è l’effetto di pratiche di Polizia e giurisdizionali, a loro volta effetto della pressione dell’opinione pubblica a partire da casi eclatanti». Altro dato interessante riguarda la presenza degli stranieri in carcere: sono il 34,1% dei detenuti, ma rispetto a dieci anni fa sono il 3,34% in meno.

 

Damiano Aliprandi