NON C'E' FEDE SENZA LOTTA

NOI DA NOVE ANNI CONOSCIAMO LA VERITA'!

laboratoridirepressione

SPEZIALELIBERO

DAVIDE LIBERO











Perché il segreto sulle scelte del governo in pandemia?

 

FONTE:Contropiano

 

In democrazia dovrebbe essere un obbligo rendere chiari i passaggi che portano il Governo a compiere determinate scelte. Ora, il governo Conte ha deciso di tenere segreti i documenti del Comitato Tecnico Scientifico, cioè di quell’organismo che lo ha supportato nelle decisioni da prendere sulla pandemia. Perché?

Anche il meno “complottista” degli umani, come in fondo sono io, di fronte a questa scelta storce il naso e non può fare a meno di porsi almeno un quesito: cosa contengono di così scabroso quei documenti?

Non aiuta a fugare i dubbi la decisione del Governo di ricorrere al Consiglio di Stato contro la decisione del Tar di rendere pubblici quei documenti (su istanza presentata dalla Fondazione Einaudi). Anzi, le formule contenute nel ricorso aprono a ulteriori dubbi.

Il motivo di secretare quei documenti, si legge nel ricorso, discende dal fatto che i decreti legge che hanno imposto le decisioni (tra cui, non dimentichiamolo, la limitazione di alcuni diritti costituzionali) sono stati il «frutto di attività ampiamente discrezionali ed espressione di scelte politiche del governo».

Al di là dell’ovvia considerazione che tutte le scelte politiche sono “discrezionali”, io ne deduco che le indicazioni dei tecnici e degli scienziati confliggevano – o comunque non supportavano del tutto – con le scelte del governo.

Non mi piace teorizzare sul nulla, dunque non tento neppure una spiegazione. Mi permetto però una chiosa: in una democrazia sostanziale, dove il cittadino è chiamato a partecipare e non solo a votare, il punto debole di un governo è ciò che nasconde: più un governo occulta, più sono legittimi i dubbi dei cittadini sul suo operato.

C’è sempre la possibilità, certo, che al Governo non interessi la partecipazione, ma solo il consenso elettorale. Per ciò, la trasparenza non serve: basta la propaganda.

 

Nevio Gambula