NON C'E' FEDE SENZA LOTTA

NOI DA NOVE ANNI CONOSCIAMO LA VERITA'!

laboratoridirepressione

SPEZIALELIBERO

DAVIDE LIBERO











Val di Susa dov’è il diritto al dissenso?

 

FONTE: notav.info

 

La scena che ci siamo trovati davanti agli occhi all’alba è raccapricciante. La Val Susa è letteralmente zona di guerra. L’intero paese di Giaglione è cinto d’assedio la polizia politica controlla gli ingressi, posti di blocco in giro per la valle fino all’autostrada, agenti davanti ai negozi a spiare non si sa cosa, fermi di polizia mirati contro gli attivisti, perquisizioni corporali. Alcuni giovani che si recavano a lavoro a Chiomonte sono stati fermati in maniera intimidatoria e trattenuti per lungo tempo dalla Digos semplicemente perchè No Tav.

Ai microfoni di Radio Onda d’Urto Dal presidio degli Antichi Mulini Francesca, attivista No Tav. Ascolta o scarica

Dicono “protestare contro il TAV si può” ma alla prova dei fatti ci stanno impedendo persino di girare tra i paesi per dare la notizia. La verità è che le ruspe stanno mangiando il bosco della Clarea a una velocità impressionante, ci sono alberi centenari che vengono buttati giù come bastoncini e vogliono fare la porcata in pace, lontano dagli occhi lontano dal cuore. Nessuno deve sapere, nessuno deve vedere qual è il “progresso” che porta nelle nostre valli il “progetto ecologico” TAV.

La questura di Torino approfitta della situazione di emergenza sanitaria per impedire ai No Tav di difendere la propria terra e la propria salute.

Lo diciamo chiaro da adesso: non accetteremo nessun tipo di limitazione alla libertà di movimento e di manifestare nelle prossime ore. Questa è la nostra terra e abbiamo non solo il diritto ma il dovere di difenderla.

 

VEDI VIDEO:
https://www.youtube.com/watch?v=uSQo89XWszE&feature=emb_imp_woyt

 

Sosteniamo i Ribelli dei Mulini, fermiamo la devastazione. Ore 17, Venaus

 

Dopo il blitz notturno di Telt per procedere con l’allargamento del cantiere, in Clarea si continua a resistere. Mentre al senato è in corso la commissione sul TAV Torino – Lione in cui ad ogni piè sospinto si parla di leggittime preoccupazioni delle comunità locali e della loro tutela, qui in valle va in scena una militarizzazione senza precedenti per difendere lo spot pubblicitario dei promotori dell’opera.

Non possiamo accettare che un’infrastruttura la cui attualità e sostenibilità economica ed ambientale è stata smentita su ogni fronte venga imposta manu militari al nostro territorio tra l’altro in un momento di difficoltà come questo, generato dalla pandemia. Basta sprecare i nostri soldi per opere che servono solo ad arricchire chi le costruisce, è ora di spendere per sanità, scuole e supporto ai più deboli! Ci vediamo alle 17, cuori in alto! #avantinotav